C & E Playlist | Novembre 2023

Il mese di novembre, sia la playlist che l'esperienza, aveva un tema molto chiaro: l'Italia. Siamo stati per due settimane, dal 9 al 21 novembre. Poiché lo scopo di queste playlist è quello di documentare la musica che ascoltiamo in natura (per la maggior parte, alcune sono aggiunte da un algoritmo), questa contiene molta musica che abbiamo sentito nei video musicali alla TV di Firenze.

Detto questo, iniziamo con una serie di canzoni tratte dai social media (perché questo conta come "il selvaggio" delle nostre esperienze quotidiane). Per alcuni brani davvero orecchiabili, prova Partner in Crime di Madilyn Mei, poi Chess With The Devil di Ron Mac 11. Più avanti ci sono alcuni brani commoventi: I am not who I was di Chance Peña e Tiny Riot di Sam Ryder.

Ci sono un paio di cover sorprendenti ma eccellenti. In The End dei Linkin Park di Twin (e caspita se mi fa sentire vecchio). E una versione synthwave in stile anni '80 di Toxic di Britney realizzata da Izzy Perri.

In un raro caso di svolta, ci sono canzoni country nella lista di questo mese: Let It Burn di Shaboozey e Bad Decisions di Don Louis. C'è un piccolo ma potente gruppo di persone di colore che fa musica country e noi siamo qui per questo.

Poi arriva la musica italiana. In particolare, mi piacciono I0, ME ED ALTRI GUAI di Rose Villain (grandi campioni), Vorrei ma non posto di J-AX (orecchiabile) e CLASSICO degli Articolo 31 (rap con FLOW).

Abbiamo ascoltato più volte Mercy di The Blessed Madonna, nonostante non sia affatto italiana.

Ci sono anche due tracce bonus condivise dal padre di Ammi, Barry Embry. Lose Control di Teddy Swims è un brano di grande impatto. E Crying Shame dei Teskey Brothers sembra provenire da un'altra epoca: un classico immediato.

it_ITIT
Scorri in alto